Via Toledo Project - Valenza Jazz

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

ATTIVITA' > 2020 > EVENTI PASSATI 2019
Venerdì 28 febbraio 2020
Teatro Sociale di Valenza (AL)
Prenotazioni 0131 920154 (mar - ven 16 -19, sab 10 - 13)
Info 339 3498389, 324 0838829

Via Toledo è una vecchia strada e una delle più importanti vie dello shopping della città di Napoli, in Italia. Molti poeti paragonano Via Toledo ad American Broadway e lo scrittore francese Stendhal ha descritto lo spirito di questa strada come segue: "Siamo nella bellissima Via Toledo, la strada più felice del mondo!"
Questi quattro musicisti, Bruno Castellucci (belga di origine italiana), Paolo Loveri, Angelo Gregorio (italiani della regione di Napoli) e Fil Caporali (brasiliano) si incontrarono con lo stesso spirito di via Toledo a Napoli. Felicità e passione per la musica, per il jazz.
Questo progetto mira a presentare un genere unico di performance musicale jazz che riunisce composizioni originali del giovane artista emergente Angelo Gregorio e standard jazz meno conosciuti.  Angelo Gregorio è entrato nel mondo della musica in tenera età. Ha iniziato con chitarra e voce seguite da sassofono e pianoforte al "G. Martucci ”Conservatorio di musica classica in Italia. Durante il suo periodo al Conservatorio ha vinto numerosi concorsi di cantautori, come il San Marino Voice Festival e l'Accademia di Sanremo. Dopo aver completato il diploma in musica classica, è diventato sempre più assorbito dal jazz e dalla musica creativa improvvisata, facendo diversi viaggi negli Stati Uniti per studiare con insegnanti come Ted Curson, Enrico Granafei, Lenny Argese, Kate Winslet, Dick Oatts e Vic Juris . Nel frattempo, si è trasferito dall'Italia a Bruxelles, in Belgio, dove ha studiato al Conservatorio di musica fiamminga di Bruxelles con insegnanti come Kurt Budé e Jeron Van Herzeele. Ha vinto numerosi premi per il suo sassofono, come il miglior sassofonista al Jazz in Laurino 2009, con l'insegnante George Garzone, e il primo premio del Conservatorio d'Italia. A Bruxelles ha iniziato a lavorare su Alla Ricerca Delle Radici - Searching for the Roots, che è il suo primo disco da sassofono solista. Qui, usa anche un loop machine sotto l'etichetta americana Trumpets Productions, LLC. In questo album, suona il sassofono in un modo in cui nessuno lo ha mai suonato prima. "È il mio uomo principale!" - George Garzone su Angelo Attualmente (2014).  Nato a Châtelet (Belgio) da genitori italiani, Bruno CASTELLUCCI, un musicista autodidatta, ha iniziato a suonare la batteria all'età di 14 anni e si è rapidamente imposto come uno dei batteristi più completi d'Europa. È attivo sia negli studi che sul palco e ha assimilato una grande varietà di stili. Ha accompagnato cantanti famosi, è stato il batterista dell'87 Eurovision Song Contest e, soprattutto, è un notevole batterista jazz e fusion. 1962: vince il primo premio per batteria al festival jazz Adolphe Sax di Dinant. Si è esibito accanto ai più grandi nomi del belga e del jazz mondiale di quel tempo, come René THOMAS, Bobby JASPAR, Jacques PELZER e Francy BOLAND.
Ha suonato con Slide HAMPTON, Art FARMER, Johnny GRIFFIN, Benny CARTER, Joe PASS, Phil WOODS, Niels H.0. PEDERSEN, George COLEMAN, Ian AKKERMAN, Clark TERRY, Philip CATHERINE, Tom SCOTT, Bobby McFERRIN, Jaco PASTORIUS, Airto MOREIRA, Lee KONITZ, Joe ZAWINUL, Walter NORRIS, Jiggs WIGHAM, Ferdinand POVEL, Tete MONTOLIK, PalleIK ...   Dal 1980 in poi, è anche il batterista o una delle migliori big band d'Europa, Peter HERBOLZHEIMER RHYTHM COMBINATION e BRASS, una band internazionale con sede in Germania con la quale ha registrato diversi album ed è apparso molto spesso in TV. Ha anche suonato con la Bob MINTZER Big Band e il Count BASIE Orchestra!  Paolo Loveri è nato in Italia nel 1965, dove ha iniziato la sua carriera prendendo lezioni private con Pietro Condorelli e poi si è trasferito in Belgio per proseguire gli studi al Conservatorio di musica di Bruxelles con Paolo Radoni. Dopo aver completato gli studi, decise di stabilirsi in Belgio, dove ebbe l'opportunità di suonare con alcuni musicisti jazz di spicco: Fabrice Alleman, Paolo Radoni, Bruno Castellucci e Guy Cabay. Ha quindi fondato un duo con il sassofonista Fabrice Alleman con cui ha registrato 2 CD e ha fatto tournée per 8 anni, dando concerti in Belgio, aprendo il festival Audi Jazz per Larry CORYELL e Billy COBHAM e partecipando a numerosi concerti all'estero. Paolo ha anche suonato in "One shot band" fondato da Fabrice Alleman e successivamente ha fondato un trio con Paolo Radoni e Victor da Costa.  Ha lavorato in studi di registrazione e sul palco con Salvatore ADAMO e Calvin Owens, Moutafa Largo, ma il suo interesse principale è chiaramente il jazz.  Fil Caporali ha studiato all'Universidade Livre de Música il cui patrono è il compositore brasiliano Antônio Carlos Jobim. Nel 2009 ha studiato alla Cantareira University, dove si è laureato nel 2012 con l'insegnante Alberto Luccas. Dal 2011 è stato molto attivo nella scena jazz di San Paolo, alcuni delle sue collaborazioni sono: la registrazione dell'album "Sabe Qual?" - Ana Gilli (2011), docente di una masterclass nel Conservatório Estadual de Música JK de Oliveira di Pouso Alegre (2013); esibirsi con gruppi jazz come: Septeto SA (2011-2013), Leandro Brenner Trio (2011-2013), Samuel Pompeo quintet (2013), Soundscape Big Band (2012-2013), Speaking Jazz Big Band (2012-2013) , Orquestra Jazz Sinfônica de Diadema (2013); ha accompagnato cantanti internazionali come l'americano Michael Mayo e l'australiano Liz Tobias (2013), gruppi di musica classica come Camerata Cantareira (2012-2013) e Orquestra de Contrabaixos Tropical (2013), gruppo che gli ha dato l'opportunità di viaggiare attraverso i principali brasiliani capitali come Brasilia, Salvador, Recife, Curitiba e anche a Panama City a Panama. Nel 2014 si è trasferito a Bruxelles per fare il suo master in musica al Koninklijk Conservatorium di Bruxelles. Attualmente suona in progetti come Margaux Vranken Trio, Pauline Leblond Double Quartet, Marie Fikry Oriental Jazz Project, Charlotte Haesen Quintet, UTNUZ, Aneta Nayan, Aishinka e altri. Nel 2015 ha partecipato a un tour in Cina suonando con il violinista Liu Xing. Nel 2016 Fil ha terminato il suo master e gli è stato assegnato il Toots Thielemans Jazz Award.  
 
Torna ai contenuti | Torna al menu