CHI SIAMO - Valenza Jazz

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Associazione Amici del Jazz
c/o Centro Comunale di Cultura
P.zza XXXI Martiri, 1
15048 - VALENZA (AL)


CODICE FISCALE: 95008120065
PARTITA  IVA: 02318050065
www.associazioneamicideljazz.it

valenzajazz@associazioneamicideljazz.it

Il Consiglio Direttivo

(7 membri da Statuto)


PRESIDENTE: Luciano Milano

SEGRETARIO: Pier Giorgio Manfredi

Laura Civeriati
Marilena Dealessi
Enrico Ferraris
Paolo Maggiora
Patrizia Prando

(PRESIDENTE ONORARIO: Luigi Illario)





Breve storia del Jazz Club a Valenza

L'attività jazzistica a Valenza ha avuto inizio nel 1954 con l'Associazione Jazz Club Valenza, Presidente Illario Luigi, detto Nino, che ha mantenuto questo incarico ininterrottamente sino al 2012. In tutti questi anni, grazie ad una intensa collaborazione con Enti pubblici e privati, questa attività ha fatto diventare la città di Valenza una delle realtà più importanti del jazz in Italia. Ne sono prova gli oltre 350 concerti organizzati in questo arco di tempo, e siamo vicini, ormai, ai 400 con una media di sei spettacoli all'anno.


Per una città delle dimensioni di Valenza, 20.000 abitanti, è un traguardo ragguardevole, ma quel che più conta sono i nomi dei musicisti che hanno calcato i palcoscenici cittadini. Artisti come Gerry Mulligan, Ornette Coleman, Chet Baker, Kenny Barron, Harry "Sweet" Edison, George Arvanitas, Kenny Drew, Barney Kessel, Martial Solal, Scott Hamilton, Jesse Davis, Franco Ambrosetti, Gianni Basso, Oscar Valdambrini, Stefano Bollani, Franco Cerri, Francesco Cafiso, Carlo Atti, Fabrizio Bosso, Dado Moroni, e potremmo continuare ancora per un po'. Oltre agli artisti internazionali, l'associazione  ha promosso la presentazione di musicisti emergenti, giovani, che dopo alcuni anni sono diventati famosi al pari di quelli sopra citati.
L'organizzazione dei concerti, però, non è stata la sola attività dell'associazione. Sono stati organizzati convegni di studio e di approfondimento sulla musica jazz, coinvolgendo conservatori musicali, scuole, associazioni musicali presenti sul territorio.

Altro importante traguardo è stata la costituzione, in collaborazione col Comune di Valenza ed il Centro Comunale di Cultura, del "Fondo Arno Carnevale", un patrimonio straordinario di registrazioni audio e video di concerti tenutisi in tutto il mondo, molti dei quali sono  "pezzi unici".
Arno Carnevale, appassionato di jazz, deceduto nel giugno 1988, ha lasciato una discoteca di oltre 18.000 dischi, dai 78 giri agli LP, acquistati durante i suoi frequenti viaggi all'estero, senza contare le registrazioni su nastro per oltre 3000 ore di ascolto.
I vinili sono stati ceduti ad un collezionista, mentre i nastri sono stati donati al Comune e l'Associazione, con il contributo della Regione Piemonte che ha riconosciuto il grande valore culturale, musicale e storico di questo patrimonio, ha provveduto a far riversare su DVD le incisioni, dopo averle catalogate. Tutto questo è a disposizione del pubblico presso i locali della Biblioteca Civica.  
Ultimamente ha dato vita a lezioni con ascolto musicale nell'ambito dell'attività dell'Unitre e nelle scuole del territorio. Nel 2009 ha promosso la formazione di una Big Band di cui fanno parte musicisti italiani di fama ed artisti locali. Il debutto è avvenuto nel 2010 all'interno di una rassegna estiva tenutasi nella nostra città.

Nel 2011 l'Associazione ha modificato la propria struttura assumendo la denominazione di "Associazione Amici del Jazz - Valenza" con regolare atto costitutivo e relativo statuto. Trattasi di associazione "no profit", che persegue sostanzialmente gli stessi scopi culturali della precedente. Il Presidente è sempre il Sig. Illario che da sessant'anni dedica quasi tutto il suo tempo libero alla gestione societaria. Nel corso dell'anno 2013, la carica di Presidente è stata assunta dal Sig. Ginetto Prandi, poiché il Sig. Illario ha rassegnato le dimissioni, mantenendo comunque la Sua partecipazione e collaborazione all'attività sociale con l'apporto della Sua lunga esperienza e conoscenza delle problematiche connesse a questo impegno. Il Consiglio, in riconoscimento di tutto l'impegno profuso in favore dell'Associazione, lo ha nominato Presidente Onorario.

Purtroppo, il 6 Gennaio 2015, l'associazione ha subito non una, ma due gravi perdite: Ginetto Prandi, Presidente, e Fabrizio Gotta, Consigliere, che per una tragica fatalità ci hanno lasciati lo stesso giorno. Sono stati due pilastri dell'Associazione, entrambi musicisti validi e appassionati, che hanno sempre profuso energie e competenza  nella gestione associativa. Lasciano un vuoto non indifferente e il rimpianto per la perdita di due amici.

A seguito di quanto sopra è stato rinnovato il Consiglio Direttivo con l'ingresso di diverse persone che hanno volontariamente offerto  la loro disponibilità a far parte dell'Associazione, apportando così nuova energia, idee, proposte che sono indispensabili per proseguire questa attività ultrasessantennale.
Ai nuovi Consiglieri il nostro grazie per la disponibilità e l'impegno assunto.
Il nuovo Consiglio ha eletto al suo interno il Sig, Lucio Milano quale Presidente, mantenendo inalterate le altre cariche. Il Sig. Milano, ha un'ottima competenza in campo jazzistico avendo frequentato l'ambiente e frequentandolo tuttora. Gli auguri al Nuovo Presidente sono di prammatica, ma siamo certi che saprà condurre la nostra Associazione sempre più in alto.   
L'impegno del Presidente e degli altri membri del Consiglio Direttivo non è purtroppo sufficiente per mantenere in vita una struttura come questa. Sono necessari aiuti finanziari, specie quando si organizzano concerti, e l'associazione può ritenersi fortunata poiché ha sempre avuto il sostegno degli Enti il cui logo è pubblicato nella home page. È grazie a loro se si riesce a programmare una stagione jazzistica di alto livello, e il ringraziamento per quanto hanno fatto e, speriamo, faranno è doveroso e riconoscente.

Il jazz è una passione e chi ne è contagiato non riesce a farne a meno. A Valenza ha fatto parecchie "vittime", ed è per questo che l'Associazione Amici del Jazz può vantarsi di essere una delle più longeve realtà culturali non solo in ambito provinciale, ma anche a livello nazionale.

il presidente....

 
Torna ai contenuti | Torna al menu